Test di Rorschach

Programma del Corso

INTRODUZIONE
01. Il Linguaggio delle Macchie di inchiostro 00:17:00
I fondamenti teorici e le logiche di funzionamento del test, con particolare riferimento ai codici di Siglatura. L'impostazione originaria di H. Rorschach.
02. Differenti ambiti applicativi 00:11:00
Gli ambiti nei quali il Rorschach è più frequentemente richiesto. Specificità e divergenze applicative.
03. Differenti metodi. Limiti e vantaggi 00:24:00
Storia dei metodi più diffusi a livello internazionale, da H. Rorschach fino ad oggi. Confronto tra i metodi italiano, francese e quelli americani.
04. Il Metodo Scuola Romana Rorschach 00:14:00
Il Metodo della tradizione italiana più diffuso nel nostro paese e il più antico al mondo. Storia, caratteristiche e specificità.
Webinar di Supervisione
[Webinar] Tutte le Supervisioni Pratiche e Supporto al Videocorso 01:00:00
Primo Webinar di Supervisione Pratica e Supporto al Videocorso
LA SOMMINISTRAZIONE
05. Setting e materiale 00:25:00
Il setting di somministrazione secondo il Metodo Scuola Romana Rorschach: variabili fisiche e relazionali. Il ruolo dell'esaminatore, la comunicazione ed il contesto valutativo. Il primo contatto e l'accoglienza. Descrizione del materiale occorrente nelle fasi di Raccolta e di Inchiesta.
06. La Raccolta delle Risposte 00:49:00
Come si raccolgono le interpretazioni. La Consegna. Le regole e gli interventi di gestione del setting illustrati attraverso una somministrazione simulata e commentata.
TEST – Il setting, il materiale e la Raccolta [PDF] 00:10:00
Scarica il test in formato PDF
07. Prove supplementari 00:17:00
Quali sono e come si raccolgono (simulata).
TEST – Prove supplementari [PDF] 00:00:00
08. L’Inchiesta 00:43:00
Come si conduce l'Inchiesta (obiettivi, atteggiamenti, modi di porre le domande) con simulata su un protocollo.
TEST – L’inchiesta [PDF] 00:00:00
LA SIGLATURA
09. Introduzione alla Siglatura 00:11:00
L'invenzione della siglatura da parte di H. Rorschach. L'ampliamento dei codici della siglatura da Rorschach ad oggi.
10. Localizzazioni Semplici 00:49:00
Siglatura e significato diagnostico.
TEST – Modi di comprensione o Localizzazioni semplici [PDF] 00:00:00
11. Localizzazioni Miste 00:17:00
Siglatura e significato diagnostico: Confabulatori, Fusione Figura Sfondo, Fusione Figura Sfondo confabulatorie.
TEST – Modi di Comprensione o Localizzazioni Miste [PDF] 00:00:00
12. Determinanti Primarie: Forme 00:32:00
Siglatura e significato diagnostico: come valutare le qualità formali.
13. Determinanti Primarie: Movimenti 00:26:00
Siglatura e significato diagnostico.
14. Determinanti Primarie: Colori 00:26:00
Siglatura e significato diagnostico: colori cromatici e acromatico bianco, vari tipi di risposte Colore.
15. Determinanti Primarie Chiaroscuri 00:20:00
Siglatura e significato diagnostico: Chiaroscuro tridimensionale diffuso e tridimensionale prospettico. Determinanti Rare: Posizione e Numero.
16. Determinanti Primarie: Miste 00:07:00
Siglatura e significato diagnostico: le siglature più frequenti.
TEST – Determinanti primarie [PDF] 00:00:00
TEST – Determinanti primarie Miste rare e particolari [PDF] 00:00:00
17. Determinanti Secondarie: Movimenti 00:24:00
Piccole cinestesie o m secondarie: differenti tipi e significato diagnostico.
18. Determinanti Secondarie: Chiaroscuri 00:19:00
Piccole cromestesie: Chiaroscuri bidimensionali e colore acromatico nero.
TEST – Determinati secondarie [PDF] 00:00:00
19. Contenuti 00:55:00
Contenuti primari e secondari più frequenti ed importanti: significato diagnostico.
TEST – Contenuti primari e secondari [PDF] 00:00:00
20. Frequenze 00:34:00
Risposte più frequenti, quelle più infrequenti sul campione.
TEST – Frequenze TEMPO ILLIMITATO
21. Quinta Colonna: introduzione 00:10:00
Che cos'è la quinta colonna. Il significato diagnostico degli Choc, delle Manifestazioni Particolari e delle Risposte complessuali.
22. Choc: definizione e indicatori 00:20:00
Che cos'è uno Choc: come lo si riconosce e come si sigla, intensità e gravità.
23. Tipi di Choc 00:57:00
Analisi dei differenti tipi di Choc ad ogni Tavola (tipici e unici, frequenti e infrequenti). I fenomeni di Interferenza. Il carattere evocatore delle macchie di H. Rorschach.
24. Manifestazioni Particolari: introduzione 00:26:00
Differenziazione per livelli di gravità dal primo al terzo. Senso di realtà ed evoluzione dei meccanismi di difesa. Fenomeni presenti in tutti i livelli.
25. Manifestazioni Particolari I° Livello 00:39:00
Logica di siglatura e significato diagnostico di ognuna.
26. Manifestazioni Particolari II° Livello 00:31:00
Logica di siglatura e significato diagnostico di ognuna.
27. Manifestazioni Particolari III° Livello 00:29:00
Logica di siglatura e significato diagnostico di ognuna.
28. Risposte Complessuali 00:34:00
Definizione e specificità rispetto alle Manifestazioni particolari. Logica di siglatura e loro significato diagnostico.
TEST – Manifestazioni particolari e Risposte complessuali TEMPO ILLIMITATO
Esercitazione Siglatura Scelta Multipla 00:00:00
Esercitazione di Siglatura Personalità Normale Intelligenza Media 00:00:00
Esercitazione di Siglatura Protocollo N. 0 00:00:00
Esercitazione di Siglatura Protocollo N. 1 00:00:00
Esercitazione di Siglatura Protocollo N. 2 00:00:00
LO PSICOGRAMMA
29. Psicogramma: introduzione e indici intellettivi 00:43:00
Presentazione generale delle pagine e dei riquadri dello Psicogramma. Dimensione quantitativa e qualitativa degli indici: le qualità formali. Studio delle formule e calcolo degli indici intellettivi.
30. Psicogramma: indici intellettivi, esame di realtà ed adattamento 00:28:00
Studio delle formule e calcoli.
31. Psicogramma: indici affettivi e gestione degli impulsi 00:33:00
Studio delle formule e calcoli.
32. Psicogramma: riquadro Tavole Nere/Colorate-I/II Metà 00:24:00
Studio delle formule e calcoli.
LA PSICODIAGNOSI
33. Introduzione: impostazione generale 00:36:00
Importanza della committenza, del contesto e degli obiettivi della valutazione. I contesti clinico e forense: divergenze e specificità. Differenti livelli di valutazione: diagnosi funzionale e diagnosi nosografica. Il linguaggio da utilizzare. Rischi ed errori più comuni nella stesura delle prime relazioni. Le diverse impostazioni della relazione: molare, breve, didascalica.
34. Introduzione: schema della relazione 00:32:00
Struttura della relazione ed aree da indagare: cognitiva, esame di realtà ed adattamento sociale, affettività, gestione degli impulsi e meccanismi di difesa.
35. Intelligenza quantitativa 00:46:00
Normalità e livello intellettivo medio. Il livello di intelligenza (superiore, molto superiore, inferiore, molto inferiore). Costanza della performance: fattori di inibizione che interferiscono con l'espressione dei potenziali intellettivi. Valutazione livello e tipologia di inibizione: situazionale o strutturale.
36. Intelligenza qualitativa 01:10:00
Indici intellettivi e loro significato diagnostico. Tipo di intelligenza e stile cognitivo in relazione alle risorse e ad eventuali fattori di inibizione di origine cognitiva o affettiva.
37. Esame di realtà 00:20:00
Esame di realtà: adeguato, ipercontrollato, carente, assente. Capacità di intendere e volere. Contesti e situazioni che interferiscono con la percezione e comprensione obiettiva della realtà. La tenuta delle difese: prognosi positiva e negativa.
38. Adattamento 00:42:00
Rapporto con le norme sociali e stereotipi della cultura di appartenenza. Adattamento sociale: adeguato, carente, pseudo-adattamento, iperadattamento. La simulazione di adattamento o disatattamento. Quadri depressivi, ossessivi, da Falso Sé, disturbi di personalità narcisisti, antisociali, quadri psicotici, organici.
39. Stile relazionale 00:35:00
Indici, tipo colore e reattività affettiva: scarsa reattività depressiva, evitante, schizoide. Stile di relazione: maturo, ipercontrollato, labile, pulsionale.
40. Tipi di vita interiore (T.V.I e t.v.i.) 00:46:00
Definizione e confronto tra Tipo di Vita Interiore primario e secondario: stato e tratto. Ricchezza, povertà di risorse e normalità. Orientamenti del carattere introversivi ed extratensivi e stile relazionale. Quadri di evoluzione, conflittualità nevrotica, regressione, immaturità, funzionamento al limite e disturbi di personalità.
41. Identità 00:20:00
Indici e Tavole più importanti per valutare il ruolo interiorizzato (maschile/femminile) e l'identificazione sessuale.
42. Gestione degli Impulsi 00:26:00
Correlazione tra Indice di Impulsività e di Autocontrollo. Gestione degli impulsi: adeguata, rigida, labile. Tipologia di agito, intensità della scarica e del suo orientamento auto o etero diretto. Valutazione della pericolosità sociale. Predisposizione psicosomatica.
43. Meccanismi difensivi 00:12:00
Senso di realtà e tipologia dei meccanismi di difesa: evoluti o di più basso livello adattivo. Diagnosi differenziale: quadri nevrotici, disturbi di personalità, psicosi, organicità.
I CASI CLINICI
Casi Clinici – Normalità Intelligenza Media 00:00:00
Casi Clinici Normalità Intelligenza Superiore 00:00:00
ISCRIVITI AL CORSO
  • 645,00 387,00
  • 180 Giorni
102 STUDENTI ISCRITTI

Incluso nel prezzo

Cosa è la Psicodiagnostica

Cosa è il Test di Rorschach

2016 - Tutti i diritti riservati